LightHouse, quando i ricordi prendono forma

ANDREA SANTAROSSA

Il mio Amuleto per Andrea Santarossa è LightHouse, una lampada in lamiera di acciaio piegata. L’idea nasce da una lampada di Gio Ponti, Fato, una lamiera smaltata in cui le geometrie e le campiture di luce e ombra, creano effetti grafici. Da ciò, considerando che il materiale di base era appunto la lamiera di metallo, è nata LightHouse. Questo il riferimento visivo per una sperimentazione sul tema illuminazione a cui Andrea ha sempre guardato con interesse, ma è stata poi una suggestione a spingere la ricerca estetica e formale del prodotto realizzato. Amuleto ha una linea di prodotti legata all’infanzia e questo, aggiungendosi alle riflessioni su cui stava lavorando, ha portato a galla ricordi e immagini, di quando da bambino, durante i viaggi in auto, giocava insieme al fratello a chi contava più alberi di Natale lungo il percorso, al fascino di queste luci che brillavano nelle case buie, “mi piaceva molto questa immagine dell’accendersi delle case al calare della sera”, dice Andrea. La matita ha seguito il pensiero e recuperando il ricordo, ha recuperato anche una forma archetipica della casa, quella che le abbiamo dato tutti, da bambini, nei nostri disegni. Tra geometrie e giochi di luce, emerge la poesia dell’ispirazione primaria, L’Empire des Lumières di René Magritte.

fato_magritte

santarossa_web

Andrea Santarossa vive a Firenze, dove si è appena laureato, all’ISIA, ma nasce nella provincia di Pordenone, è qui che muove i primi passi nel campo della progettazione, riparando oggetti e costruendone di nuovi insieme al nonno. Determinato e curioso, Andrea è sempre in movimento e continuamente alla ricerca di nuove esperienze e, perché no, nuove sfide; si laurea in Disegno Industriale allo IUAV di San Marino, segue un progetto presso l’EINA di Barcellona, collabora con Turnlights a Vicenza e con studi di design a Melbourne, in Australia.

santarossa_blog

Nel frattempo conosce Claudia Cantarin, presso l’HUB di Trieste e da qui cominciano una serie di collaborazioni che portano alla partecipazione di Andrea al format Il mio Amuleto.

Per conoscere meglio Andrea Santarossa la cosa migliore è farlo attraverso il suo pensiero, attraverso la sua idea di design, o meglio ancora, il suo approccio al design che è ciò da cui è nato un interessante percorso, Ideafilanda, un progetto didattico/collaborativo realizzato insieme al suo collega Mirko Balducci.

“Ideafilanda è un workshop, una modalità di collaborazione, un metodo di progettazione. È il luogo in cui le parole vengono filate e intrecciate nel processo di composizione di un oggetto.”

Il punto focale riguarda il briefing, studiato per funzionare nella maniera più efficace possibile. Il problema di partenza, sostiene Andrea, è nelle domande a cui si chiede di rispondere, è una questione quindi di metodologia progettuale piuttosto che di progetto. Il lavoro è stato fatto quindi nella costruzione del briefing, cioè “raccontare alle persone cosa dovevano progettare attraverso l’utilizzo delle parole”; l’utilizzo delle immagini infatti condiziona automaticamente le idee. Il briefing è stato scomposto per poter porre la domanda nel modo giusto, per intenderci, al posto della richiesta di progettare uno schiaccianoci, è stata esposta la seguente problematica “immagina e costruisci un oggetto che ti permetta di aprire una noce per poterne mangiare il contenuto utilizzando una mano sola”. Il risultato è questo:

picchianoci-624x417

Quello che emerge, e che Ideafilanda intende approfondire, è che se si prende consapevolezza dell’impatto sociale della progettazione, allora si potranno trovare soluzioni migliori da cui trarre maggiori benefici.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...